By using this site, you agree we can set and use cookies. For more details of these cookies and how to disable them, see our Cookie PolicyOK
Menu

Digital Humanities e beni culturali: quale relazione?

Torino 17-19 dicembre 2015
Sedi:
  • Aula Magna del Palazzo del Rettorato dell’Università di Torino – Via Po 17
  • Campus Luigi Einaudi – Lungo Dora Siena 100
L’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale (AIUCD), costituita a Firenze nel 2011, si rivolge ad un ambito allargato e comprendente differenti settori disciplinari, incluse le istituzioni culturali quali archivi, biblioteche e musei.
AIUCD si focalizza sulle riflessioni metodologiche e teoriche, la collaborazione scientifica e lo sviluppo di pratiche, risorse e strumenti condivisi nel campo dell’informatica umanistica e nell’uso delle applicazioni digitali in tutte le aree delle scienze umane.
Suoi obiettivi sono:
  • Promuovere attività scientifiche e formative nel campo dell’informatica umanistica e delle applicazioni delle tecnologie digitali alle scienze umane;
  • Migliorare la visibilità e la conoscenza di iniziative e risorse individuali, istituzionali e di altre associazioni, facilitando la concretizzazione di idee e progetti interdisciplinari;
  • Promuovere l’integrazione delle competenze professionali umanistiche e informatiche di tutti gli interessati;
  • Stabilire e consolidare i legami con altre realtà europee ed internazionali che operano nel campo dell’informatica umanistica e delle applicazioni digitali alle scienze umane.
Al IV convegno annuale, organizzato in collaborazione con il Centro Interdipartimentale MeDiHum dell’Università di Torino, parteciperanno anche Tiziana Possemato (@CULT) e Stefano Casati (Museo Galileo), con l’intervento: “Esperienze di adozione di principi e metodi del web semantico e dei Linked Open Data nella ricerca”.
Nell’occasione verrà presentata, quale linea evolutiva del progetto MINERV@, la proposizione progettuale della costituzione di un “polo” tematico per la museologia scientifica, attraverso la creazione di una knowledge base semanticamente integrata, costituito dalle basi di conoscenza di istituti affini convertite secondo i principi dei linked open data.

 

News e metodologie di adesione le trovate qui

10 December 2015

News

20 September 2021

BIBFRAME Workshop in Europe 2021

Lo scopo del BIBFRAME Workshop è quello di essere un forum per la condivisione delle...

7 September 2021

Share Family – Linked Data Environment

Share Family supporta biblioteche, archivi e musei nel passaggio da ambienti di catalogazione tradizionali a...

26 August 2021

BNCF e FOLIO

La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (BNCF), tra le più importanti a livello italiano ed...

18 November 2020

Casalini Libri e @Cult

La missione di Casalini Libri di favorire la diffusione della cultura attraverso servizi sempre più...

20 December 2019

Penn Libraries: un’estensione del progetto Share-VDE!

In collaborazione con @CULT, Casalini Libri e Samhaeng, Penn Libraries sta sviluppando un sistema sperimentale,...

Case History

21 September 2021

Share-VDE 2.0 entity-based discovery platform

Casalini Libri e @Cult annunciano la release di Share-VDE 2.0, sistema per la gestione di linked data e piattaforma di...

9 January 2017

Il nuovo OLISuite per la gestione dei record in RDA

    OLISuite, sviluppato per la gestione dell’intero flusso operativo di biblioteche e archivi, in linea con le evoluzioni del...

17 September 2015

RDA in pratica, Linee guida e tecnologie per gli ILS di nuova generazione

Il 27 maggio scorso, in Sala Comparetti dell’Università di Firenze, si è svolto il seminario “RDA in pratica, Linee guida...

19 February 2015

OLISuite e l’innovativo standard RDA

OLISuite è l’LMS sviluppato da @CULT per la gestione dell’intero flusso operativo di biblioteche e archivi: dalla selezione del materiale,...

5 January 2015

OseeGenius + FRBR

Il nuovo componente OseeGenius-FRBR consente agli OPAC e ai discovery tool di arricchirsi di uno strato informativo prodotto e pubblicato...